CENNI BIOGRAFICI - associazione arma aeronautica sezione di torino

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

CENNI BIOGRAFICI

STORIA > STORIA > ANDREA BREZZI
ANDREA BREZZI - CENNI BIOGRAFICI



Andrea Brezzi nasce a Ollomont (Aosta),figlio del Senatore Giuseppe Brezzi , anch'egli ufficiale d'aviazione e dirigente della "SVA" azienda aeronautica che tanto diede alla nostra storia dell'aviazione. Aostano,ma Torinese di adozione compì gli studi nella nostra città sino alla laurea in ingegneria ed alle prime esperienze lavorative. Lo scoppio della guerra lo vide naturalmente in prima linea con la divisa azzurra della Regia Aeronautica,dove si compì il suo eroico destino.
Le gesta di Brezzi sono indissolubilmente legate ai "Picchiatelli", gli "Stukas" Italiani, del 96° Gruppo Bombardieri a Tuffo (236a e 237a Squadriglia).
Di stanza a Comiso nel settembre del 1940 il gruppo partecipava all'assedio aeronavale dell'isola-fortezza di Malta, al ritorno da una missione di bombardamento viene attaccato da alcuni Gloster Gladiator della difesa aerea Inglese. Nonostante le differenti caratteristiche dei velivoli,lo Junkers Ju 87 di Brezzi,un pesante aereo da bombardamento in picchiata,ottimo velivolo nel suo genere,ma la cui vulnerabilità in una situazione di non dominio dell'aria era stata sperimentata ampiamente già dai Tedeschi, e un agile biplano da caccia , il già superato ma comunque valente in quella situazione, il Gladiator, Brezzi con il suo mitragliere , il Primo Aviere Gianpiero Vio, riuscirono tra abili manovre e accurata mira ad abbattere uno dei caccia e danneggiarne un secondo,ma purtroppo nel duello aereo il povero mitragliere restò ucciso da una pallottola nemica. Brezzi riuscì quella volta a rientrare alla base di Comiso. Per questa eroica missione Andrea Brezzi fu insignito di Medaglia d'Argento al Valore Militare.
Alla fine del mese il gruppo si trasferì a Lecce-Galatina in previsione delle operazioni contro la Grecia.
Il giorno 21 dicembre il gruppo fu impegnato nell’attacco contro posizioni nemiche nell'area di Kolonje nel distretto di Argirocastro in questa azione venne abbattuto il velivolo dell’equipaggio Mar.Scarpini/1° Av.Catamerò fu proprio nell’eroico gesto di individuare il velivolo dell’amico commilitone che il Ten.Andrea Brezzi ed il motorista Stevanato perirono , indugiando sul luogo del presunto abbattimento venendo abbattuti dalla contraerea, guadagnandosi così la Medaglia d’Oro al Valore Militare postuma.   

 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu